Sd. Kfz. 234/1 in zona rurale

10 Dic, 2010
7.397 views

L’ultimo post relativo al 234/1 risale a più di un anno fa!

Ok, questo mezzo -ed il dioramino che lo ospita- è finito ed ha al suo attivo un paio di mostre… ovviamente nessun piazzamento!

234/1, dettagli finali
L’autoblindo ha ricevuto una generosa dose di “fango” simulato con del gesso, dei pigmenti ed un minimo di resina acrilica del range Mig.

Il mezzo è stato quindi assemblato in tutte le sue componenti ed ha atteso l’ambientazione.

Ambientazione
Per l’ambientazione ho deciso di usare l’angolo di casa rurale di cui ho parlato qui, qui e qui.

Ho deciso per una strada dissestata in pietra, verosimilmente in un qualche remoto angolo nell’Europa dell’Est, con il mezzo in pattugliamento ed un soldato tedesco che sta andando a controllare qualcosa.

La base per la superficie è stata ricavata da un foglio di carton-sandwich di 5 mm di spessore, a cui ho rifatto i bordi con lo “Stuccofacile” della San Marco.

Angolo di casa rurale
La casa è stata terminata con l’aggiunta degli scuri e del portone, sui quali ho montato dei cardini in plastirod.

Ho deciso di omettere le grondaie per vari motivi, soprattattutto perché non ne avevo notate nelle varie foto da cui ho preso spunto.

Purtroppo nei passaggi finali sulla casa ho fatto un piccolo disastro: ho usato l’opacizzante della Gunze, diluito in alcool etilico, per togliere lucidità alla casa ed al tetto.

Il risultato è stato un leggero velo biancastro sulle tegole, che ha eliminato alcune cromie che avevo creato, appiattendo il colore.

Selciato
Ho innanzitutto individuato la parte di superficie che sarebbe stata ricoperta dal selciato e vi ho steso sopra un sottile strato di “Stuccofacile” (sì, ho cominciato ad usarlo e mi trovo decisamente bene!).

A questo punto, con un vecchio pennello a cui avevo in precedenza eliminato le setole, ho iniziato ad imprimere i vari blocchetti.

Il lavoro è lungo e tedioso, ma se viene fatto bene produce un ottimo risultato!

Terreno
Dopo aver impresso l’impronta della casa per delimitarne gli spazi, ho proceduto a testurizzare il solito stucco con un pennello a setole rigide.

Nei punti vicini alla strada, inoltre, ho spennellato della colla vinilica abbondantemente diluita, sopra la quale ho cosparso alcuni granelli di sabbia e del terriccio.

Colorazione
Per la colorazione del terreno ho usato colori Tamiya ad aerografo (toni di grigio per la strada e buff per il terreno).

Ho poi ripreso alcuni tasselli del selciato a pennello con colori più chiari -grigio schiarito con Bleached Bone- o più scuri -scuriti con nero o con Scorched Brown-.

Ad asciugatura completata, ho eseguito un lavaggio ad olio con bruno van dyck della Winstor & Newton sulla strada e con terra di siena naturale sul terreno.

Un leggero drybrush a smalto con un colore crema sia sulla strada che sul terreno ha messo in risalto gli spigoli ed ha uniformato la colorazione di base ed i lavaggi.

La polvere ed il terriccio sulla strada sono stati simulati con diversi leggeri lavaggi ad olio fatti con bruno van dyck -schiarito con rosa e giallo di napoli-, con terra di siena naturale e con ocra gialla.

Erba
A colore completamente asciutto, ho incollato la casa ed ho quindi piazzato dell’erba sul terreno.

La base è stata fatta con erbetta da fermodellismo, fissata al terreno con colla vinilica, mentrei ciuffi di erba sono stati ricreati con posidonia.

Tutta l’erba è stata colorata ad aerografo con verde oliva e poi schiarita con svariati drybrush Sunburst Yellow e Bleached Bone del range di acrilici Citadel.

Ho provato a ricreare della bassa vegetazione con un paio di pezzetti di flock, ottenendo un risultato non troppo soddisfacente…

Cespuglio
Accanto alla casa ho pensato ci potesse stare bene un cespuglio / arbusto, che ho ricreato con della “schiuma di mare” ricolorata con del marrone ad aerografo e poi ricoperta con fogliame del range Noch.

Steccato
Ho realizzato lo steccato con plasticard e fil di ferro da 0,6 mm.

La colorazione è stata fatta tutta con acrilici, compreso l’invecchiamento. La base è stata creata con Snakebite Leather, per poi passare all’invecchiamento con Scorched Brown molto diluito.

Figurino
Il figurino, proveniente da una scatola Dragon, è stato colorato interamente ad acrilici.

Foto
Ecco le foto d’insieme di questo piccolo dioramino:

autoblindo_234_1_in_zona_rurale_01

autoblindo_234_1_in_zona_rurale_02

autoblindo_234_1_in_zona_rurale_03

autoblindo_234_1_in_zona_rurale_04

  1. Scrivi un commento per “Sd. Kfz. 234/1 in zona rurale”