Rendere realistica l’erba sintetica

12 Lug, 2008
16.638 views

Dopo aver visto alcuni splendidi diorami in giro per la rete, con figurini e mezzi in mezzo all’erba, ho guardato quel che avevo realizzato io finora ed ho pensato “l’erba nelle mie ambientazioni sembra… finta”. Perchè?

Ho spulciato alcuni articoli su vari siti e vari forum ed il consiglio generale è di… colorare anche l’erba come il resto del diorama

Questo è il mio primo tentativo. L’effetto finale non è al top come alcuni manti erbosi realizzati da alcuni modellisti esperti, ma a me pare più che accettabile!

Peccato che le foto siano venute particolarmente brutte, ma la macchina fotografica è quello che è.

passo 1

Come base ho scelto di utilizzare un vecchio pezzo di cartone su cui avevo provato l’utilizzo di sabbia e colla vinilica per ricreare le asperità di un terreno collinare.

Le prove non hanno dato i risultati che speravo, però un pezzo di scarto così per quel che voglio provare a fare va più che bene

Sorvoliamo sulla colorazione -penosa-, avvenuta con varie passate più o meno pesanti di drybrush ad acrilico (sì, lo so, si dovrebbero usare gli smalti.

erba_realistica_001

passo 2

Ho iniziato piazzando con un pennello colla vinilica non diluita sui punti in cui volevo si attaccasse l’erba e vi ho depositato sopra un “blocco” di erba sintetica (una referenza Heki). Ho quindi cercato di far attaccare più erba possibile premendo il tutto con le dita.

erba_realistica_002

passo 3

Ho aspettato una decina di minuti, in modo che la colla si asciugasse e facesse un po’ di presa, quindi ho passato delicatamente un pennello piatto su tutta la zona, in modo da eliminare l’eccesso di erba.

erba_realistica_003

passo 4

Una volta bene asciutta la colla (per il test non ho aspettato più di 5-10 minuti, ma è meglio affrontare questo passo con la colla perfettamente asciutta ), ho diluito del bruno van dyck ad olio in un dito di acquaragia ed ho “scaricato” il colore sulle zone d’erba, evitando di tirare il colore per non staccare troppi filamenti. Ne spariranno già troppi, credetemi!

Nota: come si vede dalle foto, ho deciso di provare questo passaggio solo su metà del “terreno di prova”, perchè alcuni dicevano che fosse necessaria, mentre in altri tutorial la saltavano.

erba_realistica_004

erba_realistica_005

passo 5

Asciugato il colore ad olio, ho diluito abbondantemente dell’Olive Green Gunze e l’ho passato ad aerografo in modo da scurire il colore dell’erba e far perdere quell’effetto “sintetico” causato dal riflesso lucido.

La velatura dev’essere particolarmente leggera, in modo da avere delle variazioni di colore che conferiranno realismo al manto erboso.

erba_realistica_006

passo 6

A questo punto ho preparato un misto di Flat Yellow (vallejo), Catachan Green, Graveyard Earth e Skull White (gw) in rapporto 3:5:1:2 (si capisce, vero? ).

Ho usato questo colore per drybrushare l’erba e creare un effetto volume.

erba_realistica_007

erba_realistica_008

Considerazioni finali

Dopo aver eseguito questa prova, ho notato che il passo 4 è praticamente inutile, dato che l’effetto dev’essere particolarmente marcato, rischiando di “incollare” i fili d’erba con il colore ad olio, oppure verrà coperto (come nel mio caso) dalla velatura ad aerografo successiva.

La fase più importante per l’effetto finale è, comunque, il drybrush. Per schiarire il colore da passare, usate il giallo invece del bianco: enfatizzerà meglio il contrasto con il colore più scuro sottostante e risulterà comunque realistico.

Ho notato che, nonostante abbia abbondato con erbetta sintetica, i molteplici passaggi con i pennelli (soprattutto nell’ultima fase) hanno asportato molti fili, alcuni dei quali si sono “incollati” al colore passato precedentemente non ancora perfettamente asciutto (la colorazione del terreno, l’alone del passaggio ad aerografo, etc).
Vi consiglio di aspettare che i colori siano perfettamente asciutti prima di passare alla fase successiva e di eliminare i peli che si sono staccati dalla colla con un pennello pulito.

CATEGORIE: Diorami, Tutorial
  1. Scrivi un commento per “Rendere realistica l’erba sintetica”